Il responsabile del gioco d’azzardo in italia

gioco d'azzardo e politica

I “giochi sono fatti” e, per fortuna, Pier Paolo Baretta è al suo posto con i due capisaldi che hanno contraddistinto il suo impegno professionale e politico: riformismo e solidarietà. Sono queste le parole chiave che lo hanno accompagnato nel suo impegno civico: prima nell’azione sindacale, poi in quella politica ed ora il suo rinnovato impegno al Ministero dell’Economia e delle Finanze, dopo la conferma a Sottosegretario di Stato.

Baretta riparte dalla consapevolezza di portare a conclusione il lavoro di riforme iniziato nella legislatura di Renzi e, naturalmente, ringraziando il neo Premier Gentiloni di avergli riposto fiducia per tutto quello che è già stato fatto, seguendo anche il modello del casino di montecarlo. Chi conosce anche poco Pier Paolo Baretta ed il mondo del gioco d’azzardo pubblico sa che si è impegnato nelle trattative con le Regioni e gli Enti Locali per tentare di arrivare alla riforma del settore, posto che questa non possa assolutamente più attendere.

Gli operatori ludici hanno fiducia nella sua persona ed hanno accettato di buon grado di essersi seduti con lui ai vari tavoli per portare avanti le loro esigenze e parlare delle loro problematiche. Purtroppo, la trattativa per la riforma in Conferenza Unificata non è riuscita, in pratica, a concretizzare alcunché, ma la buona volontà e la tenacia di Baretta fanno ben sperare che, con la sua riconferma, si possa riprendere il percorso là dove era stato lasciato, prima della crisi del Governo Renzi.

Secono Baretta, uno dei nodi importanti è quello di consolidare il rapporto tra lo Stato e gli Enti Locali, rapporto che si era avviato e che stava anche portando verso una nuova visione del Paese che dovrà essere più efficiente e, sopratutto, che dovrà guardare maggiormente alla tutela dei suoi cittadini. Quindi, con queste premesse ben solide secondo Baretta si può dire che sia anche maturo il clima politico-sociale per procedere, effettivamente, ad un riordino del settore dei giochi.

La proposta di riforma, anche sul mondo dei casino online dal vivo, che è stata studiata, elaborata, discussa risponde alle pressanti sollecitazioni di riformare il settore ludico, settore assolutamente strategico per l’economia del nostro Paese, ma che richiede vi sia una indispensabile tutela sociale e culturale per i cittadini. Certo, ci troviamo in un particolare momento per la storia sociale del nostro territorio, che continua ad essere segnato e toccato dalla crisi economica che sembra non voler mai andarsene, dalla difficoltà delle istituzioni ed anche dei partiti di rispondere alle richieste nuove di rappresentanza sociale.

Ma, certamente, non vi è dubbio che il Riformismo e la Solidarietà continuino a rappresentare due termini ed un paradigma valido per ripensare alle categorie ed alle forme della politica e della vita. In più, i politici vengono forzatamente richiamati alla responsabilità, sia individuale che collettiva in modo di cercare in questa transizione culturale e di valori che si sta attraversando, le opportunità per assolvere il ruolo politico nel migliore dei modi: quello innanzitutto di coesione, proposta e risoluzione degli odierni problemi.

Baretta sottolinea anche il suo impegno nel Ministero delle Finanze e dell’Economia relativo alla salvaguardia dei risparmiatori e per la tenuta del sistema bancario attuale. E parla anche del cosiddetto decreto salva-banche che prevede l’intervento diretto dello Stato con uno stanziamento di ben 20 miliardi di euro: è solo un primo passo di un percorso lunghissimo che aiuterà le nostre banche e, quindi, aiuterà anche l’economia ad uscire ancora una volta in modo rafforzato da questo particolare momento che ormai “particolare” sembra non esserlo più.